Sempre più spesso persone che dichiarano di avere una buona visione, lamentano però una condizione di malessere, di fastidio, a livello del sistema visivo.

Spesso sono studenti o persone che svolgono lavoro di ufficio, e che lamentano una serie di disturbi come bruciore e arrossamento degli occhi, stanchezza e conseguente sonnolenza, difficoltà di messa a fuoco anche per lontano dopo che hanno lavorato al computer, spesso mal di testa localizzato all’altezza della fronte. Talvolta possiamo trovarci di fronte ad un difetto non adeguatamente corretto, altre volte si tratta di persone con scarso o carente liquido lacrimale e che in presenza di aria condizionata e visione al computer manifestano bruciore e occhi arrossati, ma sempre più spesso ci troviamo davanti a quello che talvolta viene definita sindrome da video terminale o semplicemente stress visivo.

I nostri occhi sono strutturati per vedere all’infinito, in spazi aperti e ampi ma al giorno d’oggi passiamo la maggior parte del nostro tempo guardando a distanza ravvicinata. Questa visione a distanza prossimale affatica così tanto il nostro sistema visivo da produrre tutta la serie di disturbi sopraelencati. Talvolta, soprattutto soggetti giovani, arrivano anche a sviluppare una leggera miopia pur di poter facilitare la visione da vicino ma questo comporterà di conseguenza una visione sfuocata per lontano. Nel nostro ambulatorio possiamo controllare la struttura del vostro liquido lacrimale per controllare se carente di alcune sostanze e fornirvi gli adeguati rimedi come adeguate soluzioni lubrificanti in caso di secchezza oculare, oppure consigliarvi a seconda dei casi degli appositi esercizi o delle lenti defaticanti per rilassare l’occhio nella visione a distanza ravvicinata o degli integratori (là dove spesso la dieta è carente) a base di luteina per rinforzare la struttura oculare come nel caso dei miopi e di coloro che manifestano fastidio nel passaggio luce ombra o a base di sali minerali per chi soffre di stress accomodativi.